Informazioni utili sul Venezuela: quando andare, bandiera, orario, economia, lingua e popolazione

Tutto ciò che devi sapere per partire per il Venezuela. Scopri informazioni utili sul clima, la bandiera, l'orario, l'economia, la lingua e la popolazione.

Stagione migliore, bandiera simbolica, differenza oraria, lingua e popolazione, situazione economica: ecco per te una breve guida ricca di informazioni utili sul Venezuela, straordinario Paese dell’America latina, ricco di bellezze naturali e città che vale assolutamente la pena di visitare.

Prima di partire, è bene conoscere al meglio questa lussureggiante e avventurosa destinazione: nella speranza di offrirti dati il più possibile utili e completi per arricchire (e facilitare) la tua prossima esperienza di viaggio, ti auguriamo una piacevole lettura.

Quando andare in Venezuela? Clima e stagioni

Clima e periodo migliore Venezuela

Una delle prime cose che ti starai chiedendo, prima di fare le valigie, è certamente qual è la stagione migliore per recarsi nel Paese. Sapere quando andare in Venezuela è importante per viaggiare in condizioni ottimali per organizzare al meglio la tua visita.

Il Venezuela è noto per la sua natura rigogliosa e affascinante, luogo ideale per scattare foto mozzafiato con i tuoi compagni di viaggio. È necessario però prendere in considerazione il clima della regione prima di organizzare escursioni, giornate in spiaggia (in Venezuela si trovano alcune delle spiagge più belle del Sud America) ed eventualmente praticare attività sportiva.

Il clima in Venezuela è di tipo tropicale (si trova infatti a nord dell’Equatore). Ciò implica che il paese goda di temperature calde e umide per la maggior parte dell’anno, con solamente due stagioni a loro volta influenzate dalle diverse altitudini. 

In generale il clima tropicale di questa zona presenta due macroperiodi: una stagione delle piogge che va da maggio a ottobre e una stagione più secca che inizia a settembre e si protrae fino ad aprile. Le temperature sono generalmente calde durante tutto l’anno, ad eccezione delle zone collinari e montuose più elevate.

Potrai quindi trovare dai 20 ai 25 gradi nelle località montuose e collinari (come la zona di Merida) fino ai 30 – 33 gradi circa nelle isole, con precipitazioni variabili ma generalmente concentrate durante la stagione “estiva”, che va da maggio a ottobre. Le piogge sono invece minime tra i mesi di dicembre e febbraio. 

Utilizzare app affidabili per il meteo, chiedere informazioni alle guide turistiche o consultare le fonti locali: tutto ciò ti permetterà di sfruttare al massimo le condizioni climatiche in ogni località che visiterai. Informati con cura prima di preparare le valigie e pianificare le escursioni.

Che ore sono in Venezuela rispetto all’Italia? 

Per calcolare che ore sono in Venezuela, dovrai considerare che (come tutti i paesi del continente americano) il Paese presenta un orario arretrato rispetto a quello europeo. Non viene utilizzata l’ora legale, pertanto la differenza oraria rispetto all’Italia oscilla fra le cinque e sei ore. 

Quando in Italia vige l’ora legale (ossia fra marzo e ottobre) il Venezuela si trova cinque ore “indietro”, mentre nel resto dell’anno sei ore. Per esempio, quando a Roma è mezzogiorno, a Caracas saranno le 7:00 del mattino in aprile oppure le 6:00 del mattino in novembre. 

Per conoscere in ogni momento l’ora esatta in Venezuela, o l’ora italiana quando ti trovi in viaggio, puoi aiutarti impostando le ore locali sul tuo smartphone (UCT/GMT -4:00 ore), scaricando un’apposita app o consultando i siti web ufficiali.

Qual è la bandiera del Venezuela? Breve storia e curiosità

Qual è la bandiera venezuelana?

Osservare la bandiera del Venezuela offre preziosi spunti sulla storia e la cultura del Paese. Questo simbolo attraente presenta tre colori significativi: il giallo (che simboleggia la ricchezza della terra del paese) il blu (che rappresenta il cielo e l’oceano) e il rosso (per ricordare il coraggio e il sacrificio dei combattenti).

È interessante notare che questi colori sono anche presenti nelle bandiere di Colombia ed Ecuador, poiché rappresentano i legami storici tra queste nazioni latinoamericane. 

Al centro della bandiera venezuelana troviamo un arco composto da otto stelle. Esse rappresentano le otto province del Paese che si sono unite per lottare collaborativamente per ottenere l’indipendenza dalla Spagna, avvenuta il 5 luglio del 1811.

La bandiera del Venezuela è quindi simbolo dell’unità e della solidarietà che ha caratterizzato la lotta per la libertà dall’oppressione straniera. Riflette la storia e l’identità nazionale, rappresentando i valori di libertà, coraggio e unità, incarnati dal personaggio di Simón Bolívar. 

Che lingua si parla in Venezuela? 

Come sancito ufficialmente dalla Costituzione, la lingua che si parla in Venezuela è lo spagnolo, più nello specifico lo spagnolo “castigliano”, cioè quello portato dai conquistadores nel Cinquecento dalla provincia di Castiglia. Pur con le sue numerose varianti locali, lo spagnolo è la lingua madre della maggioranza della popolazione.

Il Venezuela, proprio come gli altri paesi dell’America latina, presenta una fortissima componente culturale indigena. Per questo motivo, l’articolo 9 della già citata Costituzione riconosce, dopo lo spagnolo, più di quaranta lingue parlate in diverse zone e villaggi del paese.

Il riconoscimento delle lingue indigene è avvenuto ufficialmente solo nel 1999, come passo importante per preservare le culture locali proteggendole dal pericolo di emarginazione. La principale per numero di parlanti è il Wayuu (che fa parte di una più grande famiglia nota come Arawak), insieme ai numerosi dialetti caraibici e ad altri ceppi linguistici. 

Altre lingue ampiamente parlate in Venezuela (anche se non formalmente riconosciute), sono il cinese, il portoghese e perfino l’italiano, portate qui dall’immigrazione avvenuta nell’Ottocento e soprattutto nel Novecento. 

Se conosci lo spagnolo, potrai esprimerti facilmente in Venezuela, ma ti accorgerai presto che la pronuncia e alcuni vocaboli sono differenti rispetto alla variante originale europea di questa lingua. L’inglese è invece utilizzato solo in ambiti ristretti dalle fasce più istruite della popolazione.

Quanti abitanti ci sono in Venezuela? Dati e popolazione

Attualmente in Venezuela ci sono oltre 32 milioni di abitanti, con una densità abitativa piuttosto bassa (il 31%). La popolazione del Paese non è distribuita in modo omogeneo sul territorio: la maggioranza vive nel nord e in relativa prossimità delle coste, mentre solo il 5% della popolazione vive nelle regioni a sud del fiume Orinoco, nonostante queste coprano una porzione molto abbondante del territorio. 

Non sono state effettuate rilevazioni ufficiali sull’etnia della popolazione venezuelana. Come forse non saprai, la maggioranza della popolazione è meticcia, ossia risultato della miscela tra bianchi e indios o tra “bianchi” e “neri”, realizzatasi già a partire dal Cinquecento.

Accanto ad essi, ci sono gli zambos (probabilmente un risultato della combinazione genetica tra neri e indios) e i criollos, di discendenza iberica. A partire dagli anni Quaranta del Novecento, la componente bianca della popolazione è stata rafforzata dall’arrivo di circa un milione di europei (tra cui moltissimi italiani, ma anche spagnoli e portoghesi), che si sono trasferiti nel Paese. 

Gli indios oggi rappresentano meno dell’1% della popolazione totale, mentre la popolazione di origine africana costituisce un gruppo etnico un po’ più numeroso, concentrato principalmente nelle zone costiere come la regione di Barlovento (Stato del Miranda).

Com’è la situazione economica in Venezuela?

La situazione economica del Venezuela è piuttosto complessa. Attualmente il Paese ha diversi problemi ed è considerato tra quelli in via di sviluppo; ha goduto però di una certa prosperità in alcuni momenti storici (soprattutto grazie alla presenza del petrolio).

Il petrolio, l’“oro nero del Venezuela”, è stato trovato per la prima volta nel 1922, durante il periodo della dittatura di Juan Vicente Gomez, il quale permise agli Stati Uniti di controllarne la produzione e la distribuzione. Due importanti accordi con gli USA sono stati negoziati nel corso degli anni Quaranta.

La presenza di crescita e opportunità finì per attrarre una grande quantità di immigrati (anche europei, tra cui molti italiani) che si stabilirono qui nel corso degli anni Cinquanta e Sessanta. In questo periodo la situazione economica del Venezuela continuò a migliorare a causa degli alti prezzi del petrolio.

La nazionalizzazione dell’industria petrolifera avvenne solamente più tardi, nel 1976. Fino agli anni Ottanta il Paese è stato considerato il più sviluppato dell’America latina, con grandi benefici per la popolazione, che godeva di salari relativamente alti, istruzione e buoni servizi pubblici. 

Se ti sei addentrato fin qui in questa lettura, ti starai certamente chiedendo per quale motivo la situazione economica del Venezuela è declinata fino ad arrivare alla situazione attuale. La risposta è molto semplice: il drammatico calo dei prezzi del petrolio avvenuto negli anni Ottanta.

Da questo momento in poi, il Paese iniziò a dipendere sempre di più dai fondi esteri e si iniziò una forte crisi, con una rapida contrazione del PIL e un peggioramento progressivo della situazione economica. La popolazione purtroppo oggi soffre a causa del peggioramento dei salari e delle condizioni di vita.

A causa della crescente inflazione, i prezzi di un soggiorno in Venezuela sono relativamente bassi; come turista, troverai alloggi adatti a qualsiasi budget e non spenderai molto neppure per il vitto e i trasporti. L’unica spesa significativa per chi viaggia sono le visite ai siti turistici più rinomati. 

Ma non scoraggiarti.

Nonostante le sfide economiche, il Paese offre opportunità turistiche a prezzi accessibili. Presta sempre attenzione alla sicurezza, consultando le fonti ufficiali prima della partenza, per goderti al meglio l’esperienza in questa terra affascinante dell’America latina. 

Picture of Giovanni

Giovanni

Co-Founder di Travellairs. Ha passato gran parte della sua vita viaggiando e vivendo un po' per tutta Europa, da Bassano del Grappa a Granada o Tallinn, passando per Madrid e Barcellona, dove ad oggi risiede, lanciando continuamente nuovi progetti e collaborando con numerose startup di tutto il mondo.

Vuoi condividere l’articolo? Clicca qui!

Indice

Il gruppo delle offerte e promozioni di viaggio

Iscriviti al gruppo Telegram di Travellairs per rimanere sempre aggiornato sulle ultime offerte e promozioni esclusive di viaggio. Iscriviti subito, è gratis!

Cosa otterrai unendoti al canale Telegram di Travellairs?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *