La bandiera della toscana: ecco cosa c’è da sapere

In questo articolo troverai la storia e le caratteristiche della bandiera toscana.
Indice

La regione Toscana è una delle più apprezzato e famose del mondo e come ogni territorio italiano, ha una propria bandiera e simbolo.

La bandiera della Toscana è composta da sfondo bianco con pegaso alato e due strisce rosse in alto e in basso. Il simbolo centrale è un pegaso in argento con ali ed è stato adottato nel 1975.

Il simbolo precedente è stato abolito con il L. R. n. 44 del 20 maggio 1975 e da allora è entrato in vigore il simbolo attuale toscano.

Il simbolo della Toscana

Nelle varie sedi delle istituzioni pubbliche è possibile vedere il gonfalone, uno stendardo che mostra il simbolo della regione Toscana.

Questo araldo è possibile vederlo anche in varie manifestazioni pubbliche e per richiederlo necessario presentare una richiesta formale al Presidente della Giunta Regionale.

Pegaso è un cavallo alato ed è il protagonista di uno dei miti più longevi della cultura dell’occidente. Pegaso, insieme a Perseo e Bellerofonte, è il protagonista di questa storia greca e nelle sue gesta questo cavallo accompagna i protagonisti in tante lotte contro la malvagità e il caos.

I tre protagonisti del mito, infatti, rappresentano dei valori positivi e la capacità di combattere il male e di costruire la pace.

Nel seguente video è possibile vedere la bandiera attuale della regione Toscana:

Bandiera della Toscana

Inoltre, se la tua prossima vacanza sarà nell’entroterra toscano, ti suggeriamo i borghi più belli della toscana. Ti suggeriamo questo articolo dedicato a cosa vedere a San Gimignano in modo da avere la lista completa dei principali punti di interesse storico da visitare in questo paese.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Entra a fare parte della community di Travellairs!

Alessio

Alessio

Alessio vive a Barcellona e si occupa di Digital Marketing nel settore travel. Durante l'Università ha avuto la possibilità di vivere due volte in Spagna e una in Estonia grazie al progetto Erasmus. Dopo Granada, Tallinn e Valencia la capitale della Catalogna è diventata la sua seconda casa da più di un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *