Il prefisso polacco

Vacanza in Polonia? Se hai bisogno di telefonare devi sapere che il prefisso da utilizzare è +48 e devi anteporlo al numero polacco.
Indice

Se ti trovi in Polonia e devi telefonare il prefisso da utilizzare è +48.

In ogni paese esiste questo codice da anteporre al numero di telefono. Chi vuole effettuare una telefonata verso un numero polacco e si trova in Polonia deve inserire il prefisso prima del numero.

Si tratta di una regola presente in ogni stato, ma se andrai in Polonia per pochi giorni di vacanza non è detto che dovrai telefonare a un numero polacco.

In ogni caso potrebbe accadere, per esempio se ti trovi a Varsavia e vuoi prenotare una visita a un museo o riservare un tavolo in un ristorante.

Aspetta, ma la Polonia fa parte dell’Unione Europa? La risposta è si, e puoi viaggiare in questo paese senza il passaporto. Inoltre, devi sapere che l’Euro non è accettato e se vuoi pagare in contati devi munirti della moneta locale, lo Zotly.


Chiamare in Polonia

Se la tua permanenza in Polonia non è per una vacanza e per esempio ti sei trasferta in Erasmus o a vivere per lavoro, ottenere un numero polacco è sicuramente utile.

Ci sono differenti compagnie telefoniche che puoi scegliere per avere una sim e navigare più velocemente con il 4G, ecco quali sono:

  • Orange
  • T-Mobile
  • Plus
  • Play

Dato che in Polonia non c’è l’Euro, sicuramente ti interessa sapere quanto vale la moneta polacca. Il tasso di cambio di 1 Zloty è pari a 0.23 centesimi di euro.

Per esempio, il biglietto per vedere un film al cinema costa 20 PLN e corrisponde a circa 5,84€. Il costo della vita è leggermente più basso rispetto all’Italia.

Infine, se devi passare alcuni giorni di vacanza in una delle due città principali (Varsavia e Cracovia) non è necessario acquistare una SIM polacca, perché grazie al roaming gratuito in tutta Europa è possibile navigare anche con i dati della rete italiana.

Alessio Mancinelli

Alessio Mancinelli

Alessio vive a Barcellona e si occupa di Digital Marketing nel settore travel. Durante l'Università ha avuto la possibilità di vivere due volte in Spagna e una in Estonia grazie al progetto Erasmus. Dopo Granada, Tallinn e Valencia la capitale della Catalogna è diventata la sua seconda casa da più di un anno.

Vuoi condividere l’articolo? Clicca qui!

Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Entra a fare parte della community di Travellairs!

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCARICA GRATIS LA

BUCKET LIST

DI VARSAVIA!

Tutte le migliori cose da fare e vedere a Varsavia!

Ultimate Bucket List Varsavia