Israele elimina il test molecolare pre-partenza per tutti i viaggiatori

Il Ministero del Turismo israeliano annuncia un nuovo provvedimento per agevolare l'ingresso dei turisti internazionali nel paese. Il tampone molecolare non verrà più richiesto ai passeggeri vaccinati e non.
Indice

Il governo israeliano annuncia l’abolizione della misura restrittiva per i turisti vaccinati e non. L’iniziativa rientra in un quadro più ampio. Un programma che prevede la progressiva riduzione di tutte le regole adottate durante la crisi sanitaria per rilanciare il turismo in vista dell’incombente stagione estiva.

Quali sono le regole da rispettare per chi vuole pianificare una vacanza in Israele?

Maggio è un mese fondamentale per l’allentamento delle norme che hanno condizionato i viaggi e gli spostamenti negli ultimi due anni. I dati sanitari e le esigenze economiche tracciano adesso le linee guide per le future strategie dedicate al rilancio del turismo in tutto il mondo.

In questo contesto il governo israeliano vara un nuovo intervento per agevolare l’ingresso dei viaggiatori internazionali: l’eliminazione del test molecolare antecedente alla partenza per turisti vaccinati e non. L’abolizione del requisito entra in vigore mesi dopo l’apertura dei confini nazionali ai visitatori che non hanno completato il ciclo vaccinale.

I viaggiatori che vogliono recarsi in Israele devono compilare il modulo Entry Statement Form, stipulare un’assicurazione di viaggio e indossare la mascherina durante il volo. Questo nuovo sviluppo rappresenta un meraviglioso passo avanti per l’accoglienza dei turisti che stanno pianificando una vacanza estiva nei prossimi mesi.

L’allentamento delle restrizioni renderà il viaggio molto più semplice per chi vuole visitare il paese. Attualmente, i visitatori devono mostrare un test molecolare negativo, effettuato 72 ore prima della partenza, e sottoporsi ad un ulteriore test al loro arrivo. In attesa del risultato i passeggeri devono isolarsi presso una struttura ricettiva per un massimo di 24 ore. Chi possiede invece un certificato di avvenuta guarigione può utilizzare questo documento al posto del test.

Con l’introduzione delle nuove regole i turisti che stanno programmando una vacanza in Israele non dovranno sottoporsi più al regime di isolamento volontario dopo l’ingresso nel paese. L’iniziativa promossa dal Ministero del Turismo è stata concepita appositamente per semplificare l’arrivo e la permanenza dei viaggiatori.

Pietro Bruno

Pietro Bruno

Web writer lucano laureato in Scienze della Comunicazione. Appassionato di viaggi, festival musicali e street art. Elabora i testi come la scaletta di un concerto per condurre il lettore nei luoghi più affascinanti del mondo.

Vuoi condividere l’articolo? Clicca qui!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Entra a fare parte della community di Travellairs!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.